logoriserva.gif (4432 byte)C E N T R O   D I   E D U C A Z I O N E   A M B I E N T A L E

R I S E R V A  N A T U R A L E  S T A T A L E  " L I T O R A L E  R O M A N O "

ENTE GESTORE : COMUNE DI ROMA - DIPARTIMENTO TUTELA AMBIENTE E DEL VERDE - PROTEZIONE CIVILE

Torna alla Pagina Principale<

 

 

GLI AMBIENTI UMIDI
di Alessandro Urbani

Tra le finalità istitutive della riserva statale del Litorale romano c'è la tutela e valorizzazione delle zone umide. La Convenzione di Ramsar (Iran 1971), protocollo firmato da oltre trenta paesi sparsi in tutto il mondo al fine di tutelare le zone umide e il loro patrimonio biologico, definisce le zone umide come: "zone di acquitrino, palude o torbiera, o acqua libera, sia naturali che artificiali, temporanee o permanenti, tanto con acqua ferma che corrente, dolce, salmastra o salata, incluse le zone di acqua marina la cui profondità, durante la bassa marea, non superi i sei metri".
In Italia sono più di settanta le zone umide di interesse naturale, ben misera cosa se si pensa che in epoca preromana le aree allagate periodicamente o permanentemente dovevano occupare una superficie stimata pari al 10% dell'intero territorio della penisola (circa 3 milioni di ettari). Con l'unità d'Italia l'estensione delle aree umide si riduce a circa un milione di ettari. La fame di nuove terre, la malaria ormai endemica spinse i governi di allora ad intrapendere una lotta senza tregua contro il "il paludismo". L'opera di bonifica è continuata anche negli anni '70 senza una reale valutazione dei benefici che essa avrebbe portato.
Oggi dell'originario patrimonio sono rimasti circa 200.000 ettari; di questi ben 50.000 sono rappresentati da aree di interesse internazionale. A questa serie di processi trasformativi del territorio non è rimasta estranea la nostra area.
Come abbiamo precedentemente visto gli attuali ambienti umidi ricadono all'interno di un più vasto sistema di aree palustri oggi scomparso a seguito delle opere di bonifica intraprese tra il 1884 e il 1931. Lo stagno di Focene rappresenta un residuo dell'antico stagno di Maccarese, bonificato a partire dal 1886.
Nel corso della storia l'atteggiamento dell'uomo nei confronti delle aree umide è andato via via mutando; risolti i problemi igienico-sanitari legati alla malaria si è scoperto che queste aree svolgono un importante ruolo di miglioramento ecologico e climatico del territorio e in molti casi rappresentano delle naturali difese (casse di espansione) dai fiumi in piena. Da aree "improduttive" sono diventate mete turistico-ricreative e oggetto di importanti ricerche scientifiche.
Tra le zone umide preservate nella riserva statale del Litorale romano possiamo distinguere schematicamente due tipologie:
n    le aree umide naturali o seminaturali,
n    le aree umide artificiali.
Nella tabella sono state riportate alcune tra le aree più significative dal punto di vista naturalistico e storico:

       

Ambienti naturali o seminaturali Ambienti artificiali
Stagni ( Stagno di Focene) Canali della bonifica
Piscine (Piscine di Castel Fusano e Castel Porziano) Vasche artificiali (Vasche di Maccarese)
Prati umidi temporaneamente allagati ( Salicornieti della foce tiberina) Lago artificiale ( Porto di Traiano )
Piscine degli antichi "Tumuleti" (Piscine di Bocca di Leone, Fregene)     

 

La pianura alluvionale presentava vaste paludi e estese foreste planiziarie. Immediatamente nelle zone retrodunali formatesi negli ultimi 2.000 anni ampi stagni salmastri e lame di acque (piscine) interrompevano la continuità di una foresta (la "silva Maesia") di leccio e sughera nelle aree più asciutte e di farnie, olmi, pioppi e ontani nelle zone depresse umide, ambienti ideali per cinghiali, caprioli, cervi e daini.
Gli uccelli migratori durante il loro viaggio verso le aree di svernamento utilizzano le paludi come aree di sosta momentanea per il riposo ed il rifornimento.

BIBLIOGRAFIA
WWF, Tra terra e acqua - un mondo da salvare (mostra), Roma 1986
C. Pavolini, Ostia - Guide archeologiche Laterza, Roma 1989
Anonimus, Una strategia per fermare ed invertire la perdita e il degrado delle zone umide del Mediterraneo. IWRB e Regione Friuli-Venezia Giulia, Trieste 1992
WWF - ACEA , Acqua e ambiente: i mille volti dell'acqua, Roma 1993

back

CEA : CASTEL FUSANO VIA DEL MARTIN PESCATORE, 66 - TEL 06.50917817 - FAX 178 270 6015